Arriviamo a Montalcino la mattina di un sabato d’inverno, freddo, ma baciato dal sole e da un bel cielo azzurro. Il borgo si erge sopra un colle preceduto da campi coltivati, ulivi e vigneti che si estendono a perdita d’occhio. Siamo nella terra del vino buono, il più famoso è probabilmente il rosso Brunello di Montalcino, un vino a Denominazione di Origine Controllata e Garantita. Siamo a pochi passi da Siena, dalla Val d’Orcia e dai suoi suggestivi borghi.

Montalcino, terra del vino - immagine 157
Lungo la strada intorno a Montalcino si incontrano tanti vigneti

La nostra visita a Montalcino

Parcheggiamo vicino al centro storico, appena fuori dalle mura cittadine e ci incamminiamo lungo la centrale Via Matteotti. Il borgo è infatti circondato da quattro chilometri di mura medievali, in cui si alternano torrioni e porte ben conservate.

Montalcino, terra del vino - immagine 158
Una delle porte di accesso al centro storico

Nel centro storico le enoteche si alternano alle botteghe che vendono prodotti tipici e ai negozi che vendono souvenir della zona, ovunque il vino è protagonista, sulle calamite, sui gadget, qui diventa persino un gusto del gelato.

Montalcino, terra del vino - immagine 159
Il brunello…è anche nel gelato!

Presto incontriamo il Palazzo dei Priori, l’attuale sede del Comune di Montalcino, caratterizzato dalla loggia gotica, dall’alta torre e dagli stemmi in marmo dei podestà. Davanti all’edificio si apre la Piazza del Popolo, il cuore del centro storico.

Montalcino, terra del vino - immagine 160
Il Palazzo dei Priori

Ci incamminiamo quindi per raggiungere la Rocca costruita in posizione elevata nel 1361 quando Montalcino passò sotto il dominio di Siena. L’ingresso nel cortile interno è gratuito, mentre è a pagamento la salita sul camminamento che permette di godere di un bellissimo panorama sulle colline circostanti. Proprio qui si tiene in estate il famoso Jazz & Wine Festival.

Montalcino, terra del vino - immagine 161
La Rocca di Montalcino

La Concattedrale del Santissimo Salvatore è il Duomo di Montalcino, risalente alla prima metà del XIX secolo, quando fu eretto in stile neoclassico dove sorgeva la vecchia Pieve di San Salvatore.

La Chiesa di Sant’Egidio presenta una facciata in pietra in stile romanico e l’interno a una sola navata. Fu la chiesa ufficiale della Repubblica di Siena a Montalcino e sulla facciata si può osservare infatti la balzana di Siena, ovvero lo stemma costituito da uno scudo gotico diviso orizzontalmente in due parti, nei colori argento e nero.

Montalcino, terra del vino - immagine 164
La Chiesa di Sant’Egidio

La Chiesa di Sant’Agostino, in stile romanico, risale al XIV secolo. La particolarità della sua facciata risiede nel fatto che appare divisa orizzontalmente in due parti: la parte superiore è stata restaurata con l’inserimento del rosone. Sul lato sinistro della chiesa si trovano i chiostri cinquecenteschi costituiti dai locali monastici.

Montalcino, terra del vino - immagine 165
La Chiesa di Sant’Agostino

La Chiesa del Corpus Domini fu fondata nel XIII secolo dove sorgeva lo spedale di San Cristoforo, soppresso nel 1510.

Montalcino, terra del vino - immagine 166
La Chiesa del Corpus Domini

Per il pranzo decidiamo di fermarci alla Taverna di Baietto dove troviamo un ricco menù a base di piatti tipici. Siamo tentati dallo scegliere un grande tagliere misto per due, ma alla fine optiamo per un singolo tagliere da dividere come antipasto, composto da salumi e formaggi locali.

Come primo piatto scegliamo entrambi i pici conditi con ragù di cinta senese, una razza suina allevata in questa zona della Toscana. I pici sono un formato di pasta tipico della cucina senese che somiglia a dei grossi spaghetti che vengono fatti a mano, di qui la forma e spessore irregolari, a base di acqua, farina e sale. Come vino ovviamente un rosso di Montalcino che proviene dall’antistante Enoteca di Piazza dove ci spostiamo alla fine del pranzo per acquistare dell’ottimo vino da portare a casa.

Author

Nata a Pisa nel 1990, nella stessa città mi sono laureata in Studi Internazionali e attualmente vivo, lavoro e ho sposato Dario. Amo i giochi da tavolo con gli amici, leggere, scrivere, cucinare piatti etnici, oltre che viaggiare, vicino e lontano: la mia più grande passione.

Write A Comment