Le cosiddette case cubiche sono un singolare progetto architettonico ideato negli anni settanta dall’architetto olandese Piet Blom (1934-1999) realizzato anche a Toronto in Canada dopo l’acquisizione dei diritti del progetto da parte dell’architetto canadese Ben Kutner.

Le case in questione sono state immaginate come un insieme di “alberi” nel bosco, sono sorrette da pali e caratterizzate da una notevole inclinatura. Ognuna di esse è formata da tre piani la cui altezza in alcuni punti non supera il metro e mezzo.

Nei Paesi Bassi le prime case a essere realizzate furono quelle di Helmond, la cui costruzione fu iniziata nel 1972; le prime tre case cubiche “di prova” furono costruite nella Europaweg del 1975 mentre altri 18 edifici di questo tipo vennero eretti in Speelhuisplein negli anni successivi.

La costruzione delle case cubiche di Rotterdam, all’interno del quartiere di Blaak, cominciò invece nel 1982, per terminare nel 1984. Dei 74 edifici che dovevano essere realizzati, ne furono costruiti soltanto 39, tra i quali si trovano anche un museo dedicato al progetto del “Blaakse Bos” (=il Bosco di Blaak) dove si mostra la vita all’interno di una casa cubica, oltre ad alcuni ostelli.

Author

Nata a Pisa nel 1990, nella stessa città mi sono laureata in Studi Internazionali e attualmente vivo, lavoro e ho sposato Dario. Amo i giochi da tavolo con gli amici, leggere, scrivere, cucinare piatti etnici, oltre che viaggiare, vicino e lontano: la mia più grande passione.

4 Comments

  1. Interessante, queste architetture mi hanno sempre dato molto da pensare … alla fine ho deciso che le adoro! Non sapevo delle loro repliche immaginando che quelle di Rotterdam fossero le sole esistenti. Grazie dell’informazone!

Write A Comment