In un gelido dicembre, raggiunto il Lussemburgo per visitare la bella capitale e i suoi deliziosi mercatini di Natale (nell’articolo Lussemburgo, 1 giorno nella bella capitale del Granducato racconto la nostra esperienza), ne approfittiamo per una sosta a Vianden sulla via del ritorno verso il Belgio.

Vianden è un piccolo comune del Lussemburgo nord-orientale al confine con la Germania, situato sul fiume Our, una meta turistica molto gettonata per andare alla scoperta del territorio tra trekking ed escursioni in bicicletta. Quello che ci ha però spinto a inserire Vianden nel nostro itinerario è la presenza di un castello davvero suggestivo, il monumento storico più visitato dell’intero Lussemburgo!

Il castello di Vianden

La storia del castello

A questo link trovi le informazioni per organizzare la visita del castello di Vianden

Si tratta di uno dei più grandi castelli fortificati a ovest del Reno e ha una storia davvero lunga e travagliata dalla quale si è ripreso solamente negli ultimi anni!

Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 182

Il castello infatti è di fondazione romana, quando una guarnigione ufficiale si installò in questo sito a guardia dell’alta zona di Treviri. Furono proprio i romani a impiantare le basi per un forte, ampliato in epoca carolingia.

Il castello fu costruito fra l’XI e il XIV secolo in stile romanico per diventare presto la residenza dei conti di Vianden andando incontro a una serie di modifiche e ampliamenti, i maggiori di essi in stile gotico. Nel 1417 il castello diviene possedimento degli Orange-Nassau che vi apportarono a loro volta delle aggiunte rinascimentali.

Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 183

Nel XVIII secolo questa tendenza si interruppe per diverse cause: i conti di Vianden si trasferirono nei Paesi Bassi, si susseguirono alcuni incendi, ci fu addirittura un terremoto!

Nel 1820 Guglielmo I dei Paesi Bassi vendette il castello di Vianden a un mercante locale che finì per svendere tutto ciò che si trovava al suo interno, condannandolo alla rovina.

Nel 1977 gli Orange-Nassau, divenuti sovrani dei Paesi Bassi, cedettero il castello di Vianden al Granducato che dette finalmente avvio a dei lavori di restauro su larga scala!

Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 184

La nostra visita al castello

Appena arrivati nel piccolo paese di Vianden parcheggiamo la nostra auto proprio alla base della rocca e facciamo una breve salita a piedi che ci porta alla biglietteria dalla quale comincia la nostra visita. La temperatura è di pochi gradi sopra allo 0, il paesaggio che ci circonda è leggermente imbiancato di neve e siamo ben felici di visitare gli interni del castello, calorosamente addobbati per il Natale!

Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 185

Proprio un castello come piace a me, ovvero composto da tante stanze visitabili riccamente arredate che permettono di immaginare come dovesse svolgersi la vita al suo interno! Scegliamo di non usufruire dell’audioguida e ci divertiamo a leggere le didascalie presenti in ciascuna area del castello.

Dopo la prima parte dedicata alla storia del castello dove diversi modellini permettono di seguire bene l’evoluzione del castello di Vianden nel tempo e di comprendere la vasta portata dello straordinario lavoro di restauro e, soprattutto, di ricostruzione, ci addentriamo nelle singole stanze.

  • Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 186
  • Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 187
  • Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 188
  • Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 189

Come al solito, resto affascinata dalle cucine e dalla cappella completamente ricostruita, ma altrettanto interessante, a mio parere, per la scelta cromatica.

Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 190

Usciamo momentaneamente all’esterno della terrazza dove il freddo, acuto e pungente, si fa sentire, prima di rientrare all’interno passando attraverso un interessante galleria circondata da archi affacciati sulla vallata e sul borgo di Vianden.

Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 191
Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 192

Quindi scendiamo al piano terra, dove è d’obbligo una sosta al souvenir shop. Qui scopro che è possibile affittare alcune aree del castello di Vianden per svolgere degli eventi o delle cerimonie, deve essere davvero bellissimo!

Passeggiando nel centro storico di Vianden

Il centro storico di Vianden è davvero delizioso e nel mese di dicembre è ancora più caratteristico per la bella atmosfera natalizia che vi si respira.

  • Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 193
  • Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 194
  • Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 195
  • Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 196
  • Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 197

Nella città sorge anche un museo dedicato a Victor Hugo, ospitato proprio nella casa sulla riva del fiume Our dove il grande scrittore era solito trascorrere le sue vacanze. Ma a Vianden si possono anche visitare altri musei come quello di arte e artigianato e quello delle bambole e dei giocattoli.

Piacevole anche soltanto passeggiare lungo le stradine acciottolate del centro storico, affiancati da edifici antichi ed eleganti nei colori pastello.

La nostra mattinata in città si conclude con il pranzo, fermandoci a mangiare in un ristorante in posizione invidiabile, il Cafè du Pont che si trova proprio sul fiume Our! Veniamo fatti accomodare proprio accanto alle vetrate e ci godiamo un’ottima Wiener Schnitzel (il menù offre quasi esclusivamente cotolette alla viennese) con una vista impareggiabile!

Il Castello di Vianden, Lussemburgo da scoprire - immagine 200

Sapevi che il Lussemburgo è famoso per i suoi castelli? Ti piacerebbe visitare Vianden? Quale è il castello più bello che hai visitato? Fammelo sapere nei commenti!

Author

Nata a Pisa nel 1990, nella stessa città mi sono laureata in Studi Internazionali e attualmente vivo, lavoro e ho sposato Dario. Amo i giochi da tavolo con gli amici, leggere, scrivere, cucinare piatti etnici, oltre che viaggiare, vicino e lontano: la mia più grande passione.

Write A Comment