Wieliczka è una piacevole cittadina nei dintorni di Cracovia, dalla quale dista soltanto una quindicina di chilometri…e vale davvero la pena visitarla, perché ospita le miniere di sale tra le più antiche al mondo. Noi abbiamo approfittato di un weekend a Cracovia (qui racconto tutto quello che la bella città polacca offre ai visitatori) per raggiungere Wieliczka in treno, partendo dalla Stazione Centrale di Cracovia fino a raggiungere la stazione Wieliczka Kopalnia.

Una volta usciti dalla stazione, in pochi minuti a piedi si raggiungono le miniere di sale dove prenotiamo subito il biglietto per il tour guidato in italiano in partenza alle ore 13. In attesa dell’avvio del tour, abbiamo fatto una bella passeggiata nel paese attraverso l’area verde dedicata a Karol Wojtyla, venuto più volte in visita in città, fino alla Piazza del Municipio caratterizzata da palazzi eleganti e tinti di colori pastello.

Wieliczka, le miniere di sale patrimonio UNESCO a 15 km da Cracovia - immagine 57

Nel centro della piazza, sull’asfalto, un dipinto in 3 D raffigura la chiesa della Santa Kinga e i turisti (tra cui la sottoscritta) vittime di illusione ottica, dove si divertono a fare foto “in bilico” sulla grotta. La successiva visita alla miniera trasforma in realtà la chiesa di sale.

Nel centro di Wieliczka un grande dipinto raffigura la Chiesa di sale della Beata King in 3 D
Nel centro di Wieliczka un grande dipinto raffigura la Chiesa di sale della Beata Kinga in 3 D

La visita della miniera di sale di Wieliczka

Finalmente arriva il nostro turno di visitare la miniera (e di scendere circa 350 scalini) che si estende nel sottosuolo per un totale di 245 chilometri, suddivisa in 9 livelli, fino ad arrivare a una profondità di 327 metri. Si tratta di una delle più antiche miniere di sale operanti al mondo, entrata nel 1978 a far parte dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. La miniera di sale più antica si trova a Bochnia, sempre in Polonia, a 20 km da Wieliczka.

Wieliczka, le miniere di sale patrimonio UNESCO a 15 km da Cracovia - immagine 58
La discesa nel sottosuolo

Si possono visitare circa 3,5 chilometri della miniera attraverso il tour guidato che dura circa 2 ore e trenta minuti, potendo vedere gallerie, specchi d’acqua, cunicoli e diverse statue scolpite dai minatori nel sale, mentre la temperatura si mantiene costante intorno ai 12 gradi.

I visitatori più celebri della miniera di sale di Wieliczka

Il microclima interno alla miniera e la sua umidità hanno fatto sì che fosse considerata un luogo molto salutare, visitato da diverse personalità come Niccolò Copernico, Johann Wolfgang von Goethe, Alexander von Humboldt, Dmitri Mendeleev e ovviamente Karol Wojtyła, il futuro Papa Giovanni Paolo II. Alla profondità di 135 m, si trova anche un Centro di Cura e Riabilitazione destinato a persone affette da malattie delle vie respiratorie.

Wieliczka, le miniere di sale patrimonio UNESCO a 15 km da Cracovia - immagine 62
Wieliczka, le miniere di sale patrimonio UNESCO a 15 km da Cracovia - immagine 63

La Chiesa di Santa Kinga

La parte più spettacolare e sorprendente della visita guidata è senza dubbio l’ingresso alla chiesa sotterranea più grande del mondo, la splendida Chiesa di Santa Kinga, la Santa patrona dei minatori nelle miniere di sale. Chiamata “la cattedrale di sale sotterranea della Polonia”, i suoi numeri sono impressionanti: 12 metri di altezza, 54 metri di lunghezza, 18 metri di larghezza…al suo interno può ospitare fino a 500 persone!

Un ambiente unico e pieno di luce, nonostante ci troviamo nel sottosuolo, corredato di diverse raffigurazioni religiose scolpite nel sale che sono delle vere e proprie opere d’arte. Interessante sapere che in questa chiesa sotterranea si tengono regolarmente le funzioni religiose e che qui vengono anche celebrati i matrimoni.

Author

Nata a Pisa nel 1990, nella stessa città mi sono laureata in Studi Internazionali e attualmente vivo, lavoro e ho sposato Dario. Amo i giochi da tavolo con gli amici, leggere, scrivere, cucinare piatti etnici, oltre che viaggiare, vicino e lontano: la mia più grande passione.

Write A Comment