Pandoro, panettone, torrone, panforte, ricciarelli…e chi più ne ha più ne metta. La tradizione italiana è ricchissima di dolci tipici e buonissimi che si possono trovare sulla tavola imbandita delle feste. Ma gli altri Stati europei hanno dolcissime tradizioni che non hanno niente da invidiare alle nostre…andiamo a fare un viaggio nei dolci natalizi di alcuni Paesi!

Regno Unito, tra frutta secca e liquori

I dolci di Natale in Europa - immagine 171
Immagine tratta da PublicDomainPictures.net con licenza CC0 Public Domain
  • Un famoso dolce tradizionale è la Christmas cake , una torta a base di frutta secca come il ribes, l’uva sultanina ammollati in liquori come brandy, rum, whisky o sherry. La torta viene poi ricoperta da marzapane e successivamente decorata a festa.
  • Il Christmas pudding è un dolce dalla forma rotonda, che vede tra i suoi ingredienti uova, mandorle, frutta candita, rum e spezie e viene decorato con un agrifoglio. Viene chiamato anche plum pudding , nonostante le prugne non facciano parte della ricetta, probabilmente la denominazione deriva dal fatto che nel XVII secolo venivano chiamati plum anche l’uva passa e altri tipi di frutta. A questo dolce in particolare sono legate varie superstizioni: quella secondo cui dovrebbe contenere 13 ingredienti ed essere preparato in senso orario dai membri della famiglia; quella un po’ macabra per cui chi non ne mangia perderà un amico l’anno successivo.
I dolci di Natale in Europa - immagine 172
Immagine tratta da PublicDomainPictures.net con licenza CC0 Public Domain
  • La Dundee Cake proviene invece dalla Scozia e sembra addirittura che sia stato inventato dai pasticceri della regina Maria Stuarda, che sostituirono le ciliegie con altra frutta secca. Si tratta di un dolce morbido, a base di uvetta, arancia e mandorle.
  • Anche se non si tratta propriamente di un dolce, è d’obbligo menzionare i Christmas Cracker, tipici di Regno Unito e Irlanda e diffusi anche in diversi Paesi del Commonwealth. Questi tubi di cartone sono avvolti nella carta natalizia come fossero caramelle e contengono una sorpresa che viene scoperta tirando le estremità del cracker che si rompe con un piccolo scoppio.

Francia, simboli e leggende

  • Il dolce più famoso della tradizione è sicuramente il tronchetto di Natale, la Bûche de Noël, un dessert composto da un impasto che somiglia al pan di spagna e da una morbida farcitura che consiste in una ganache al cioccolato o marron glaces o crema al burro. La forma richiama quella di un tronco d’albero, glassato e decorato con simboli natalizi.
  • La Galette des Rois è un altro dolce molto famoso, soprattutto per il fatto che al suo interno viene nascosto un fagiolo. Chi riceve la fetta di torta con dentro il fagiolo, può indossare una corona dorata diventando re per un giorno.
  • Il Kougelhopf è un dolce tipico della regione della Alsazia, un dolce lievitato morbido e ricco di uvetta ammollata nel rum e mandorle intere. La leggenda narra che lo stampo per fare questo dolce sia stato regalato a un vasaio da uno dei Re Magi.

Germania, spezie e aromi natalizi

  • I Lebkuchen sono biscottini speziati immancabili agli stand gastronomici dei mercatini di Natale in tutta la Germania, decorati con una glassa di zucchero bianco o colorato oppure con del cioccolato. Sono perfetti anche da accompagnare alle bevande calde. Tra gli ingredienti possiamo trovare zenzero, miele, marmellata di albicocche, cannella, marzapane, datteri secchi, arancia e limone canditi, mandorle, noci…per un’esplosione di gusto e profumi!
I dolci di Natale in Europa - immagine 173
Immagine tratta da PublicDomainPictures.net con licenza CC0 Public Domain
  • Altri dolcetti buonissimi e profumati sono le Zimsterne, le stelle alla cannella, che contengono come dice il nome la cannella, ma anche le mandorle o le nocciole tritate, la glassa di zucchero a velo e albumi. La loro preparazione comincia a inizio dicembre perché questi biscottini vengono regalati.
  • Lo Stollen o Christstollen o Weihnachtsstollen è un altro dolce molto famoso e molto ricco di ingredienti. Si tratta di un dolce lievitato al burro, canditi, uva passa, frutta secca, spezie, arance candite, zucchero… Originario della città di Dresda, la ricetta può variare di regione in regione e di conseguenza anche gli ingredienti impiegati che possono prevedere anche la ricotta e il vino rosso, ogni pasticcere custodisce una ricetta segreta. L’importante è che all’interno dello Stollen venga messo un bastoncino di marzapane, in modo che sia presente e visibile in ogni fetta della torta che viene tagliata. Si dice che per la sua forma richiami il bambino Gesù in fasce e che fosse composto solo da farina, lievito e acqua.
  • Gli Spekulatius, chiamati Speculoos in Belgio e nei Paesi Bassi, sono biscotti aromatizzati alle spezie incisi in superficie con forme più o meno tradizionali. Il loro impasto è composto da mandorle e nocciole tritate, cannella, chiodi di garofano e cardamomo.

Grecia, il Natale dei bambini

  • I kourabiedes sono dolcetti che vengono offerti ai bambini la sera della Vigilia di Natale, si tratta di biscottini di pasta frolla e burro arricchita di mandorle tritate e brandy, a forma di mezzaluna e spolverati di zucchero a velo. La forma a mezzaluna risale al periodo Ottomano, quando i pasticceri greci vollero omaggiare i nuovi conquistatori provenienti dalla Turchia.
  • I melomakarono sono dolcetti fatti con semolino, olio d’oliva, miele, scorza e succo d’arancia, noci e cannella, decorati con sciroppo di miele, granella di mandorle o crema di cioccolato.

Svezia, tradizioni nordiche

  • Il lussekatte o lussebulle è una ciambella lievitata di pasta dolce, aromatizzata con zafferano e uvetta. La forma tradizionale in cui viene cotto è a forma di S rovesciata. Vengono consumati durante il periodo dell’avvento e principalmente il 13 dicembre che è il giorno di Santa Lucia.
  • I pepparkakor sono biscotti sottili allo zenzero, solitamente tagliati in forme tradizionali, decorati con glassa e spesso utilizzati anche per addobbare l’albero di Natale. Sono perfetti per accompagnare il tè e le bevande calde. Talvolta vengono realizzati per creare piccole casette addobbate con glassa e caramelle. Questi biscotti sono arrivati in Svezia nel XIII secolo.
I dolci di Natale in Europa - immagine 174
Immagine tratta da PublicDomainPictures.net con licenza CC0 Public Domain
  • Il Risalamande è un dessert diffuso in tutta la penisola scandinava, che consiste in un pudding di riso dolce alla vaniglia, servito con panna montata e ricoperto da una crema alla ciliegia o al mirtillo rosso calda. In Danimarca nascondono una mandorla intera all’interno del Risalamande e si dice che chi la troverà avrà davanti a sé un anno di prosperità.

Spagna, dolci ricchi e tradizionali

  • Il Turron è realizzato con mandorle o noci, miele e zucchero, e può richiamare il nostro torrone. Il ripieno e il sapore possono variare molto a seconda della zona in cui viene preparato, tra i Turron più famosi troviamo il torrone di Jijona, composto da mandorle tritate e miele, il torrone di Alicante, composto da mandorle intere e miele, il Turron de yemas, a base di mandorle tritate, tuorli d’uovo e zucchero.
  • il Mazapanes è un dolce di antichissima origine fatto con mandorle, zucchero e uova, il più famoso dei quali è quello di Toledo, della pasticceria Santo Tomé.
  • il Polvorones y Mantecado è un dolce tipico natalizio della regione andalusa, preparato con strutto di maiale e farina e cosparso di zucchero a velo.
  • il Roscon de Reyes è una ciambella preparata con miele, datteri e fichi, decorata con frutta secca e zucchero, che viene mangiata il giorno dei Re Magi, Los Reyes, il 6 gennaio. Chi trova la sorpresa nascosta all’interno della sua fetta di Roscon, viene premiato con una corona di carta color oro.
I dolci di Natale in Europa - immagine 175
Immagine tratta da PublicDomainPictures.net con licenza CC0 Public Domain

Cosa pensi di questi dolci natalizi? Per le festività, ti piace seguire la cucina tradizionale oppure preferisci provare ricette nuove? Quali di questi dessert vorresti assaggiare?

Author

Nata a Pisa nel 1990, nella stessa città mi sono laureata in Studi Internazionali e attualmente vivo, lavoro e ho sposato Dario. Amo i giochi da tavolo con gli amici, leggere, scrivere, cucinare piatti etnici, oltre che viaggiare, vicino e lontano: la mia più grande passione.

Write A Comment