Con questo articolo voglio portarvi a fare un giro del mondo un po’ diverso…attraverso le favole! Sì perché molte delle favole più belle e famose si ispirano proprio a delle località effettivamente esistenti. Pronti a scovarle per individuare tutte le somiglianze?

La Sirenetta, una delle favole più amate

Partendo dal Nord Europa, andiamo in Danimarca nella capitale Copenaghen. La statua in bronzo della Sirenetta, uno dei simboli più conosciuti della bella e vivace capitale danese, dal 1913 accoglie i visitatori.

Basta osservarla per richiamare la somiglianza con la protagonista di una delle favole più celebri, scritta nel 1837 dallo scrittore danese Hans Christian Andersen. Va detto che in origine la statua della Sirenetta era un regalo alla città da parte di Carl Jacobsen, il produttore di birra figlio del fondatore del Birrificio Carlsberg. Per eseguirla, lo scultore Edvard Eriksen prese a modello sua moglie Eline Eriksen, ispirato da una performance del balletto La Sirenetta del 1909 interpretato dal Royal Danish Ballet. 

La piccola statua, alta solo 125 cm e pesante 175 kg, ha avuto un passato abbastanza infelice in quanto è stata decapitata due volte dagli artisti radicali nel 1964 e nel 1998, nonché privata di un braccio nel 1984. Nel 2010 fu fatto inoltre un tentativo per farla esplodere. Nel 2010 ha partecipato però a un’importante manifestazione: è volata a Shanghai dove è stata esposta alla world EXPO.

14344_1260311873565_1402716880_30725821_7832589_n
La statua della Sirenetta, a Copenaghen (Danimarca)

Aladdin, una delle favole più romantiche

Adesso voliamo in Oriente. Avete presente il racconto di Aladdin? Il grandissimo palazzo di Agrabah, circondato da alte mura e dall’ingresso sontuoso, è la ricca residenza del sultano e della bella figlia Jasmine. Non vi ricorda niente? Bianco e splendente come il Taj Mahal di Agra, pare che sia ispirato nella dimensione e nelle forme proprio a questo meraviglioso mausoleo indiano.

Il Taj Mahal però non è una residenza reale, come visto nel cartone e nel film, ma è tutto l’opposto! Si tratta del mausoleo dove è contenuta la tomba della consorte dell’imperatore moghul Shah Jahan. In ogni caso un monumento romantico, da ispirazione al palazzo di una delle favole più romantiche.

Curioso il fatto che ad Agra siano presenti e diffuse le scimmie e le tigri: proprio questi due animali, Abu e Rajah, fanno compagnia ad Aladdin e a Jasmine. In questo articolo racconto la nostra visita allo splendido Taj Mahal di Agra.

p1120191
Il Taj Mahal di Agra (India)

Mulan, una favola al femminile

Restiamo in Oriente per trovare lo sfondo di uno dei miei cartoni preferiti, quello che racconta la storia di Mulan, la giovane discendente di una tradizionale famiglia cinese che si traveste da uomo per combattere gli Unni al posto di suo padre.

Giro del mondo in 5 favole famose - immagine 182
La Grande Muraglia cinese

Vediamo due monumenti emblematici della Cina: la Grande Muraglia, dalla quale vengono avvistati gli Unni e viene dato l’allarme e la Città Proibita, dove risiedeva l’imperatore.

Giro del mondo in 5 favole famose - immagine 183
La Città Proibita

La parte finale del Classico Disney si svolge infatti a Pechino, nella immensa Città Proibita, anche se questa fu costruita tra il 1407 e il 1420, cioè circa mille anni dopo le gesta dell’eroina Mulan.

Il Gobbo di Notre Dame, una favola della letteratura

Torniamo in Europa per riprendere in mano la storia del gobbo di Notre Dame. Questa è basata sul romanzo Notre-Dame de Paris di Victor Hugo, incentrato su Quasimodo, il deforme campanaro della Cattedrale di Notre-Dame e sulla sua lotta per farsi accettare nella società. La città di Parigi si vede in numerose occasioni, per esempio si vedono i gargoyle della Cattedrale, che sono gli animati amici del protagonista, e le riproduzioni di Parigi in miniatura eseguite dallo stesso Quasimodo.

dscn3990
La Cattedrale di Notre Dame a Parigi (Francia)

Atlantis, dove si intrecciano favola e leggenda

Torniamo infine in Estremo Oriente per trovare una città abbandonata servita come spunto per la struttura di una città leggendaria, quella di Atlantide. Infatti, per realizzare la città perduta di Atlantis, è stato preso a modello anche il complesso monumentale di Angkor Wat in Cambogia. 

Nato come tempio indù su volontà del re Suryavarman II, verso la fine del XII secolo Angkor Wat venne trasformato in tempio buddista: oggi è il più grande monumento religioso nel mondo nonché simbolo della Cambogia, raffigurato anche sulla bandiera del Paese.

2009_08030046
Il complesso di Angkor Wat in Cambogia

Hai mai visto uno di questi luoghi “da favola”? Ti è mai capitato di ritrovarti in un luogo che ha fatto da sfondo a un film o a un libro? Fammelo sapere nei commenti!

Author

Nata a Pisa nel 1990, nella stessa città mi sono laureata in Studi Internazionali e attualmente vivo, lavoro e ho sposato Dario. Amo i giochi da tavolo con gli amici, leggere, scrivere, cucinare piatti etnici, oltre che viaggiare, vicino e lontano: la mia più grande passione.

Write A Comment