Abbiamo avuto l’occasione di visitare la più grande isola greca, quella di Creta, ed è stato un viaggio davvero piacevole e interessante. Questa destinazione offre davvero tanto ai visitatori e l’ho trovata davvero adatta a tipologie diverse di viaggiatori e anche a persone di età diverse, sicuramente ognuno può trovare l’attività più adatta ai suoi interessi.

A questo link puoi trovare il tour che abbiamo fatto a Creta!

Facciamo quindi un rapido riepilogo dei punti di forza che può offrire una vacanza di questo tipo nella bella isola di Creta:

I colori turchesi del mar Egeo

Creta, 10 motivi per il tuo prossimo viaggio in Grecia - immagine 176
Voulisma Beach

L’isola di Creta ha circa mille chilometri di costa caratterizzate da spiagge ampie e sabbiose, piccole calette rocciose, piacevoli baie di sassolini, ci sono spiagge per tutti i gusti, tutte dalle acque limpide!

Nella parte occidentale e settentrionale dell’isola troviamo le spiagge più affollate, note e turistiche, mentre nella parte orientale e meridionale si trovano ancora angoli e località meno conosciute e frequentate dal turismo di massa.

Balos

 

Balos è senza dubbio la spiaggia più conosciuta e amata dell’isola, caratterizzata da un promontorio roccioso che sovrasta una laguna dall’acqua cristallina e dalla sabbia bianchissima e a tratti rosata. Si tratta di un’area natursalistica che si può raggiungere a piedi o in barca.

Elafonissi

 

Questa spiaggia si trova su una piccola isola vicina alla costa sud-occidentale dell’isola, definita come i Caraibi del Mediterraneo, per i colori limpidi della sua acqua. Anche le spiagge di Elafonissi sono parte di una riserva naturale protetta.

Myrtos

Questa spiaggia di ciottoli si trova nella parte meridionale dell’isola ai piedi del monte Díkti. Negli anni sessanta e settanta è stata la meta prediletta degli hippies che frequentavano Creta. Anche il paesino di pescatori di Myrthos è molto grazioso e caratteristico, con i suoi vicoli bianchi e le porte blu.

Preveli

Sulla spiaggia di Preveli spicca un monastero dal quale si può raggiungere la spiaggia sottostante a piedi tramite un sentiero. Altrimenti questa bella spiaggia bianca lambita dal mare azzurro si può raggiungere anche via mare.

Falassarna

Falassarna, per le forti onde che la sferzano, è la destinazione preferita dai surfisti. Pare che da questa spiaggia si possa vedere uno dei tramonti più belli dell’isola.

Malia

Questa spiaggia è molto ampia, in parte libera e in parte attrezzata sulla quale si affacciano numerosi hotel e locali. Si tratta di una spiaggia molto frequentata, soprattutto da giovani e da sportivi, caratterizzata da una sabbia dorata e rocciosa in alcuni punti.

Chrissi

Si tratta di un’isoletta raggiungibile in barca, la cui spiaggia più nota è conosciuta come Golden Beach dove si può anche praticare snorkeling.

Il clima piacevole e ventilato

L’isola di Creta ha un clima mediterraneo con estati piacevolmente calde e soleggiate e inverni miti. Raramente piove in estate, anche se possono capitare giornate di forte vento che possono contribuire a rinfrescare le temperature spesso molto elevate e afose a causa delle ondate di caldo provenienti dall’Africa. Questo vento si chiama meltemi o etesio, che soffia da nord-ovest e contribuisce a rendere il mare mosso.

Talvolta capiti che nevichi sulle montagne dell’isola, la più alta delle quali è il Monte Ida di 2456 metri. Nelle zone interne si trovano boschi e versanti verdi, laghi, fiumi, ma anche aree desertiche e rocciose nella parte occidentale dove ci sono delle profonde gole.

Si mangia bene!

Creta, 10 motivi per il tuo prossimo viaggio in Grecia - immagine 177

Al primo posto nella cucina cretese troviamo piatti a base di carne, cucinate nelle taverne e kantine di tutta l’isola. I gyros e i souvlaki di maiale sono tra le pietanze più diffuse, preparate sullo spiedo, condite con aglio e origano e servite con pomodoro e cipolla. Per quanto riguarda i piatti a base di pesce, il più famoso è la zuppa kakabià fatta da pesci di scoglio e ortaggi come patate cipolle e carote.

Bisogna senza dubbio menzionare la famosa insalata greca a base di pomodori, cetrioli, olive nere, feta e cipolla, condita con olio di oliva e origano e la cremosa salsina tzatziki composta da yogurt, aglio e cetrioli, utilizzata per accompagnare altre pietanze.

Per terminare il pasto, l’immancabile grappa greca rakì talvolta aromatizzata con miele o limone.

Una storia lunghissima

Creta, 10 motivi per il tuo prossimo viaggio in Grecia - immagine 178
La fortezza Koules di Heraklion

La civiltà minoica

La storia dell’isola è davvero ricchissima e comincia già nel 3000 a.C. con le vicende della fiorente civiltà minoica, un fiorente impero commerciale che controllava le rotte marittime fino all’Egitto e al Mar Nero. Interessante ricordare che questa civiltà era dotata di una scrittura geroglifica cuneiforme propria che non è stata ancora decifrata. Il declino cominciò a seguito di una serie di forti terremoti, culminato con l’invasione di Creta da parte dei Micenei nel 1400 a.C. e la distruzione del palazzo di Cnosso.

Dai Romani ai bizantini

Il declino accelerò nell’XI secolo a.C. con l’occupazione dell’intera isola da parte dei Dori. Con il dissolvimento dell’impero macedone di Alessandro Magno nel IV secolo a.C., i Cretesi conservarono una certa indipendenza e si volsero alla pirateria, entrando in conflitto con i Romani che la conquistarono.

Nel 34 a.C. l’isola venne ceduta da Marco Antonio a Cleopatra d’Egitto e in seguito conquistata da Ottaviano, dopo la battaglia di Azio contro la flotta egizia. Con la spartizione definitiva dell’impero alla fine IV secolo d.C. Creta entrò a fare parte dell’Impero bizantino.

Il dominio arabo, veneziano, ottomano, egiziano

Successivamente l’sola subì la dominazione araba per un breve periodo, fino a essere riconquistata dai bizantini e, in seguito agli eventi della quarta crociata, fu occupata dai Veneziani che la tennero dal 1204 al 1669 denominandola Candia. Creta divenne il principale possedimento coloniale della Serenissima e suo baluardo nella lotta contro i turchi.

Gli Ottomani conquistarono la capitale dell’isola nel 1669 dopo una resistenza durate ben 23 anni da parte del veneziano Francesco Morosini.

Dal 1832 al 1840 Creta fu sotto la dominazione egiziana.

Dal XIX al XX secolo

Nel 1897 scoppiò la guerra greco-turca, in seguito alla quale Creta ottenne uno statuto autonomo nell’ambito dell’impero ottomano.

Nel 1913, dopo la fine delle guerre balcaniche, Creta fu assegnata alla Grecia con il trattato di Londra.

Durante la seconda guerra mondiale, l’isola fu occupata dai tedeschi nel 1941 durante l’Operazione Mercurio che la presidiarono fino al maggio del 1945.

Da una parte all’altra…con ogni mezzo

Creta, 10 motivi per il tuo prossimo viaggio in Grecia - immagine 179

Creta è l’isola più grande della Grecia come già detto, per dimensione è la quinta del Mar Mediterraneo, grande come un terzo della Sicilia. La sua lunghezza è di circa 250 km, la sua larghezza di 60 km, fino a scendere a 12 km nella parte più stretta.

Per girare tutta l’isola, visitando le principali località turistiche, sia nella zona costiera che in quella interna, si possono impiegare anche due settimane abbondanti. Il modo più semplice per muoversi è noleggiare un mezzo proprio, dai più semplici auto o scooter, fino ad arrivare al quad, mezzo di trasporto utilizzatissimo dai turisti, soprattutto dai più giovani che affollano le località costiere. Si può noleggiare un mezzo dall’Italia, ma anche direttamente in loco dove si trova una vastissima scelta di autonoleggi in qualsiasi cittadina, ma anche presso la reception degli hotel.

Creta è circondata da numerose piccole isolette che si possono visitare tramite escursioni giornaliere, per cui bisogna menzionare anche la barca tra i mezzi di trasporto più comodi per visitare l’isola nella sua totalità!

Minotauro e leggende

 
Creta, 10 motivi per il tuo prossimo viaggio in Grecia - immagine 180
Il sito archeologico di Cnosso

A Creta è nata una delle figure più note ed emblematiche della mitologia greca: il Minotauro.

Il re di Creta Minosse pregò Poseidone di inviargli un toro promettendo di sacrificarlo in onore del dio. Tuttavia, data la bellezza dell’animale, Minosse decise di tenerlo per le sue mandrie. Poseidone allora, per punirlo, fece innamorare Pasifae, la moglie di Minosse, del toro stesso. Nascondendosi dentro una giovenca di legno costruita per lei dall’artista di corte Dedalo, Pasifae si unì al toro, portando alla nascita del Minotauro, un essere mostruoso dal corpo umano e la testa, gli zoccoli e la coda del toro.

Il re Minosse, per impedirgli di nutrirsi di umani, lo fece rinchiudere nel labirinto di Cnosso costruito da Dedalo. Per vendicarsi di Atene sottomessa a Creta, che aveva ucciso suo figlio Androgeo, il re gli impose l’invio di sette fanciulli e sette fanciulle da offrire in pasto ogni anno al Minotauro.

Teseo, figlio del re ateniese Egeo, si offrì di far parte dei giovani per sconfiggere il Minotauro. Arianna, figlia di Minosse e di Pasifae, si innamorò di lui e gli consegnò un gomitolo che gli avrebbe permesso di non perdersi nel labirinto. Quando Teseo giunse dinnanzi al Minotauro, lo uccise con la spada. Uscito dal labirinto, ci sono racconti contrastanti su quello che accadde tra Teseo e Arianna. Fatto sta che, per un motivo o per un altro, Teseo a seguito dell’impresa issò sulla sua nave vele nere anziché bianche e suo padre Egeo, vedendo all’orizzonte le vele nere, credette che l’impresa del figlio fosse fallita finendo per gettarsi nel Mare Egeo che da lui prese il nome.

Vicina all’Italia

Creta, 10 motivi per il tuo prossimo viaggio in Grecia - immagine 181

Niente di più semplice che raggiungere Creta in aereo. L’isola è collegata all’Italia da voli giornalieri da parte di tutte le compagnie aeree low cost. Prenotando in anticipo i biglietti aerei per la propria destinazione, si possono trovare anche offerte a partire dai 20 euro.

Le ore di volo che separano l’Italia da Creta sono solamente 2.

Un’intensa vita notturna

Feste, feste e ancora feste! Nelle più famose e rinomate località turistiche della costa come Hersonissos, si trovano numerosi locali che fanno musica dal vivo e ospitano eventi a tema. Le discoteche dell’isola sono molto conosciute e frequentate dai giovani di tutta Europa che raggiungono Creta per trascorrere le vacanze estive.

Ci sono addirittura negozi dove si può consultare l’offerta turistica notturna dell’isola e prenotare il locale dove si terrà la festa più adatta alle proprie esigenze. Anche le feste sulla spiaggia non sono da meno, noi ci siamo imbattuti in un evento a base di musica, street food che si è concluso addirittura con i fuochi d’artificio!

Offerta turistica varia e competitiva

Creta, 10 motivi per il tuo prossimo viaggio in Grecia - immagine 184
Una piscina del Sirens Hotel Beach & Village di Creta

Un altro dei motivi per cui scegliere Creta come destinazione delle proprie vacanze è l’ampia scelta alberghiera presente sull’isola. Ci sono hotel di tutte le categorie e livelli, per il nostro pernottamento noi abbiamo optato per un hotel di buon livello e pensione completa perché mi trovavo al sesto mese di gravidanza, però l’opzione che consiglio maggiormente è l’appartamento o il bed&breakfast, in modo da essere liberi nell’esplorazione dell’isola, poter mangiare sempre fuori, visto che ci sono infiniti locali che offrono ottimo cibo locale a prezzi vantaggiosi e, perché no, coniugare risparmio e praticità.

Un’ampia scelta di escursioni

A Creta ci sono davvero moltissime località da visitare, sulla costa e all’interno, spiagge, isole, città interessanti come la capitale Heraklion, siti archeologici famosi come quello di Cnosso. Leggi il mio articolo Creta, tour di 1 giorno in auto, per scoprire tutte le destinazioni che abbiamo raggiunto muovendoci comodamente con l’auto presa a noleggio a Hersonissos.

Cosa ne pensi, ti ho convinto a prendere in considerazione l’isola di Creta come meta delle tue prossime vacanze estive? Hai mai visitato un’isola greca? Se sì, quale? Fammelo sapere nei commenti!

Author

Nata a Pisa nel 1990, nella stessa città mi sono laureata in Studi Internazionali e attualmente vivo, lavoro e ho sposato Dario. Amo i giochi da tavolo con gli amici, leggere, scrivere, cucinare piatti etnici, oltre che viaggiare, vicino e lontano: la mia più grande passione.

Write A Comment