Come ogni anno, la città di Pisa entra nel mese di giugno con la consueta frenesia che accompagna le grandi occasioni: l’arrivo del Giugno Pisano, ricco di manifestazioni storiche ed eventi che arricchiscono le giornate pisane. Tra questi imperdibili eventi, la Luminara di S. Ranieri, la Regata Storica di San Ranieri, il Gioco del Ponte e ogni 4 anni la Regata delle Repubbliche Marinare che quest’anno si terrà ad Amalfi il 12 giugno.

Regata storica delle Repubbliche marinare

La prima edizione ufficiale si disputò nella città di Pisa il 1 Luglio del 1956.
Da allora ogni anno la sfida viene riproposta a turno nelle acque di Amalfi e di Genova, nell’Arno a Pisa e nella laguna di Venezia.

Luminara

La sera del 16 giugno, che precede la festa patronale di San Ranieri del 17 giugno, i Lungarni di Pisa si accendono di luce. Circa 70.000 lumini all’interno di bicchieri di vetro vengono infatti collocati su speciali telai di legno dipinti di bianco che si chiamano biancherie, collocati nei giorni precedenti sui palazzi e sui ponti della città, accentuando e ridisegnando i contorni di porte, balconi e finestre con forme geometriche.

Le vie del centro si animano di bancarelle che vendono i tipici dolciumi delle feste: brigidini e croccante, mentre altre vendono collane e bracciali fluorescenti da indossare in questa notte magica. Come consuetudine, la notte di San Ranieri viene conclusa da un bello spettacolo pirotecnico lungo il fiume Arno.

Regata storica di San Ranieri

In occasione della festa patronale del 17 giugno, quattro imbarcazioni che rappresentano il centro storico di Pisa (San Martino e Sant’Antonio per la parte di Mezzogiorno, San Francesco e Santa Maria per la parte di Tramontana) si sfidano in una regata storica al tramonto, lungo un percorso di 1500 metri. La regata rievoca l’impresa di Lepanto quando i cavalieri di Santo Stefano abbordarono l’ammiraglia turca per impadronirsi della “fiamma” da combattimento posta sul pennone, bandiera che è oggi custodita nella Chiesa dei Cavalieri.

Gioco del Ponte

Questa particolarissima rievocazione si tiene l’ultimo sabato di giugno, la sfida che si tiene sul Ponte di Mezzo viene preceduta dalla sfilata del corteo storico per i lungarni e le vie del centro. La squadra di Tramontana, che rappresenta i quartieri di Santa Maria, San Francesco, San Michele, Mattaccini, Calci, Sartiri, sfida quella di Mezzogiorno costituita dai quartieri di: Sant’Antonio, San Martino, San Marco, Leoni, Dragoni e Delfini.


Le squadre si alternano su un carrello che deve essere spinto con la schiena in senso opposto, fintantoché la bandierina posizionata al centro del carrello non cade, indicando la vittoria di una o dell’altra squadra.

Anticamente esisteva il gioco del Mazzascudo in cui si sfidavano cittadini delle due Parti in cui il fiume Arno divide Pisa. Si trattava di un gioco violento combattuto con mazze e scudi per conquistare un grande spazio delimitato da catene nell’attuale Piazza dei Cavalieri. Nel corso dei secoli il Gioco è stato più volte ripristinato e interrotto, subendo progressive modifiche e spostandosi sul Ponte di Mezzo.

La tradizione venne ripresa dagli studenti universitari durante la festa delle matricole del 1927, durante la quale venne realizzato un elaborato corteo in costume. Solamente a partire dal 1935 venne realizzata la versione moderna del Gioco, interrotto durante la guerra in Etiopia e successivamente per la seconda guerra mondiale.

http://www.giocodelpontedipisa.it/

In questo articolo racconto le cose da fare a Pisa, non soltanto nel mese di giugno, ma durante tutto l’anno…Pisa è bella in ogni stagione.

Author

Nata a Pisa nel 1990, nella stessa città mi sono laureata in Studi Internazionali e attualmente vivo, lavoro e ho sposato Dario. Amo i giochi da tavolo con gli amici, leggere, scrivere, cucinare piatti etnici, oltre che viaggiare, vicino e lontano: la mia più grande passione.

Write A Comment