Con un solo giorno a disposizione nella vivace capitale norvegese, si riescono comunque a visitare alcune tra le principali attrattive turistiche cittadine.

Noi abbiamo alloggiato al Comfort Hotel Karl Johan, un hotel piccolo e confortevole dalle camere moderne e funzionali, posizionato in pieno centro.

Le visite possono cominciare da Mathallen, il mercato coperto ospitato all’interno nell’ampio e spazioso capannone di una vecchia area industriale, dove si possono trovare pesce fresco e prodotti locali, ma anche tanta specialità estere, italiana, cinese, francese…

Un giorno a Oslo - immagine 134

Nei dintorni si trovano due stradine lunghe poche decine di metri: Damstredet e Telthusbakken. Entrambe in leggera salita, sembrano accompagnare il visitatore lontano dal traffico e dai rumori della città, con il loro susseguirsi di casette di legno dai colori pastello.

Il giro prosegue negli ampi e curati giardini del Palazzo Reale, la residenza ufficiale della monarchia norvegese che si staglia alle spalle della statua equestre del re Karl Johan. Un piccolo cartello qui invita a camminare sui prati e ad abbracciare gli alberi.

Un giorno a Oslo - immagine 137

Si prosegue quindi lungo la lunga spaziosa Karl Johans Gate, la principale arteria cittadina dove sono concentrati numerosi alberghi tra cui il Grand Hotel e locali dove mangiare come l’Hard Rock Cafè, ma ospita anche importanti istituzioni ed edifici come l’Università, lo Storting (il Parlamento), il Nationaltheatret (il Teatro), la Galleria Nazionale. Al termine di questa piacevole strada corredata di alberi e grandi fioriere colorate, si incontra la Stazione Centrale.

Un giorno a Oslo - immagine 138

Prima di raggiungere la Stazione, sulla sinistra si trova l’imponente facciata della Cattedrale di Oslo (Oslo Domkirke), il principale edificio di culto della capitale.

Un giorno a Oslo - immagine 139

Oltrepassata la Stazione, davanti ai nostri occhi si apre il Fiordo di Oslo con la suggestiva Operahuset, il  Teatro dell’Opera costruito con granito, alluminio e marmo italiano, il cui palcoscenico si trova sotto il livello del mare. La particolare costruzione consente di salire e passeggiare lungo il tetto spiovente della struttura. Nel mare, poco distante dall’edificio, si trova She Lies, la bella scultura realizzata dall’artista italiana Monica Bonvicini in vetro e pannelli di acciaio che fluttua insieme alle maree.

In caso di tempo (e coraggio) a disposizione, è possibile provare l’Oslo Fjord Sauna, una curiosa costruzione di legno dalla quale è possibile anche tuffarsi direttamente nelle acque del fiordo.

Costeggiando il mare, si può raggiungere la Fortezza di Akershus, posta in posizione strategica e sopraelevata a controllare il fiordo di Oslo. Di origine medievale, i principali edifici che compongono l’area sono il castello, le prigioni e la cripta che si possono in parte visitare, nonostante sia ancora oggi una zona militare.

Un giorno a Oslo - immagine 142

Poco oltre si incontra il Municipio di Oslo con le sue alte torri di mattoni, edificio che ospita anche la cerimonia di consegna del premio Nobel per la Pace. La hall principale, con ingresso gratuito, ha le pareti riccamente decorate da murales colorati. Nella piazza antistante il Municipio si incontra invece il Centro Nobel per la Pace, un vecchio edificio della stazione ferroviaria che oggi ospita un museo tematico.

Un giorno a Oslo - immagine 143

A partire dal Lungomare, si estende il quartiere di Aker Brygge, dinamico e pieno di locali alla moda, sempre affollatissimi, dove fermarsi a mangiare o a bere un drink, ascoltando musica sulle terrazze a pochi passi dall’acqua. Eventi musicali e culturali rendono questa zona dallo stile architettonico unico brulicante di vita a tutte le ore del giorno e della notte.

Basta possibile spostarsi leggermente dal centro per visitare il Parco Frogner, un parco pubblico che ospita al suo interno le opere dello scultore norvegese Gustav Vigeland, in una vasta area dedicata. Il tema ricorrente è il ciclo della vita, declinato in varie forme in più di 200 opere. Tra le più famose troviamo: il Bambino furioso, la Fontana, il Monolito e la Ruota della Vita. Sono molti i norvegesi che scelgono questo parco per incontrarsi, passeggiare, fare attività fisica.

Un giorno a Oslo - immagine 146
Un giorno a Oslo - immagine 147
Un giorno a Oslo - immagine 148
Un giorno a Oslo - immagine 149

Avendo più tempo a disposizione, si può scegliere di impiegarlo visitando uno dei numerosi musei cittadini, valutando se attivare anche la Oslo Card che può durare 1,2 o 3 giorni, il cui costo comprende la visita a numerose attrazioni turistiche e musei. Da segnalare sicurante il nuovo Munch Museet di recente apertura, che si trova in centro, a pochi passi dall’Operahuset.

La penisola Bygdoy invece ospita diversi Musei interessantissimi:

  • il Norsk Folkemuseum (https://norskfolkemuseum.no/en/the-history-of-the-museum ), il museo all’aperto del folklore norvegese, che ospita edifici civili e religiosi provenienti da diverse zone del Paese e diversi periodi storici, talvolta anche animati da attori in costumi tradizionali
  • il Vikingskiphuset, il museo delle navi vichinghe, che ospita i resti di 3 grandi navi vichinghe: Oseberg, Gokstad e Tune che sono state rinvenute all’interno di siti archeologici contenenti le sepolture di personaggi di un certo rango sociale
  • il Frammuseet (https://frammuseum.no/nb/home-no-2/ ), il museo dedicato alle esplorazioni polari
  • il Kontiki Museum (https://www.kon-tiki.no/ ), dedicato alla spedizione intrapresa nel 1947 dal grande esploratore Thor Heyerdahl attraverso il Pacifico a bordo della zattera di legno Kon-Tiki.

La penisola Bygdoy ospita anche alcune spiagge, tra cui la Paradisbukta, affollatissima di norvegesi durante le belle giornate di sole.

Author

Nata a Pisa nel 1990, nella stessa città mi sono laureata in Studi Internazionali e attualmente vivo, lavoro e ho sposato Dario. Amo i giochi da tavolo con gli amici, leggere, scrivere, cucinare piatti etnici, oltre che viaggiare, vicino e lontano: la mia più grande passione.

Write A Comment