Salve a tutti! Ormai i tempi sono più che maturi per cominciare a meditare sulle prossime vacanze, che si tratti di primavera o estate, sono tanti i luoghi meno frequentati dal turismo di massa, ma sicuramente non meno interessanti di altri, da prendere in considerazione per un viaggio. Devo dire che negli ultimi mi è capitato di andare sempre più spesso “verso est”, dove ho scoperto tanti luoghi affascinanti, città ricche di storia e monumenti, paesi ricchi di cultura e tradizione, buon cibo e prezzi competitivi. Ci siamo sempre trovati molto bene e ogni volta che torniamo a casa è subito tanta la voglia di mettersi a programmare qualcosa di nuovo e altrettanto bello!

Sono ormai numerose le compagnie aeree che permettono di raggiungere nuove mete a ottimi prezzi, si vedano per esempio i collegamenti di Ryanair con la Polonia, quelli di Wizzair con la Romania, quelli di Blu Express con l’Albania. Si tratta di paesi raggiungibili facilmente anche in auto dal centro o dal nord Italia, oppure con il traghetto dai porti di Ancona e Bari per esempio.

Ecco di seguito qualche idea per organizzare un weekend indimenticabile:

Bulgaria: Numerose le città italiane collegate alla capitale Sofia con comodi voli diretti. Da non perdere in città l’edificio monumentale della ex sede del partito comunista, il teatro Ivan Vazov con i giardini animati dai tanti giocatori di scacchi, i parchi verdissimi dove rilassarsi, la vivace Vitosha Street piena di locali moderni e originali… Vale la pena impiegare un’intera giornata per raggiungere il Monastero di Rila dagli affreschi coloratissimi e la piccola Chiesa Boyana, oppure per visitare l’antica e maestosa Plovdiv caratterizzata dalle rovine romane. Qui racconto nel dettaglio il nostro viaggio in Bulgaria.

Polonia: La piccola e graziosa Cracovia, tutta da scoprire, con la Basilica di Santa Maria dalle torri asimmetriche, il mercato con i famosi gioielli di ambra, il quartiere ebraico di Kazimierz, l’imponente castello reale di Wawel. Qui spiego cosa visitare a Cracovia. Davvero interessante la visita alle vicine miniere di sale di Wieliczka, sono infatti tra le miniere di sale più antiche al mondo, si possono raggiungere facilmente in tram dal centro città e visitare esclusivamente insieme a una guida. Anche i campi di concentramento di Auschwitz-Birkenau sono visitabili in giornata. Indimenticabili.

Slovenia: la verdissima Slovenia è l’ideale per trascorrere 3/4 giorni circondati da panorami da fiaba e piccole e vivaci cittadine come Pirano e Capodistria con il loro carattere spiccatamente veneziano o Portorose con i suoi casinò e il piacevole lungomare o ancora la capitale Lubiana a misura d’uomo, visitabile a piedi o anche via fiume per godere di angolazioni diverse e originali. Meritano sicuramente una visita le sbalorditive grotte di Postumia, tra le più famose al mondo con il vicino Castello di Predjama, a picco su di una parete rocciosa. La sosta romantica per eccellenza? La deliziosa Bled con il lago navigabile per raggiungere l’isoletta al centro nella quale si dice porti fortuna suonare la campana della Chiesa di S. Maria Assunta. Qui racconto il nostro weekend tra Slovenia e Croazia.

E per un viaggio più lungo, di circa 5-7 giorni:

Albania: Partire dalla vivace capitale Tirana e dalla sua centrale Piazza Skanderberg che faceva da palcoscenico per il passato regime comunista, per poi soffermarsi a Durazzo che con la sua Roccaforte e i resti dell’anfiteatro romano domina le spiagge bianche e il Mare Adriatico, fino a raggiungere la splendida Berat, la “città museo” o “città dalle mille finestre” con le finestre delle case che riflettono la luce del sole donando un’atmosfera molto suggestiva. Poco distante da Tirana si trova la cittadina di Kruja, l’antica capitale albanese che ospita il maestoso castello visitabile con all’interno alcuni importanti musei e un famoso bazar dalle antichissime origini e prodotti artigianali in vendita. Perché non proseguire verso nord e visitare anche una piccola parte di Montenegro, dalla mondana e chiassosa Budva, gioiello architettonico dall’aspetto medievale a paesaggi mozzafiato delle Bocche di Cattaro, il fiordo più bello del Mediterraneo?

Croazia: E che dire della splendida Croazia! Ci sarebbe da dedicare una settimana intera a esplorare ogni sua singola zona…Un primo viaggio in terra croata magari può essere strutturato attraverso l’Istria e i suoi dintorni, la prima zona che si può raggiungere in auto partendo dall’Italia. Incontriamo la storia romana a Pola che ospita l’affascinante Arena che, per grandezza, è la sesta nel suo genere, la pittoresca Rovigno che è il cuore turistico della regione, con il centro storico sorto sull’isoletta protetta dalle mura medievali e le spiagge di tutte le tipologie circondate dal mare limpido, la deliziosa località di Opatija dalla quale raggiungere in giornata i paesi di pescatori di Moscenicka Draga o Volosko, la città portuale di Fiume, dalla ricca e avvincente storia di contese, con il grazioso centro storico, le chiese e il famoso e colorato mercato della frutta e del pesce, nonché le Isole del Golfo del Quarnero, Cres, Losinj, Krk con le loro baie e calette circondate dall’acqua cristallina dell’Adriatico. Clicca qui per leggere cosa abbiamo visitato in un weekend tra Slovenia e Croazia.

Romania: perché non organizzare un bel tour della verde ed entusiasmante Transilvania? Atterrando agli aeroporti di Cluj Napoca o di Targu Mures è possibile noleggiare un auto per girare in tutta tranquillità la regione, se si osserva una mappa si uò tracciare un percorso “circolare” che va a toccare le principali attrattive turistiche: vale sicuramente la pena sostare a Turda per visitare la vecchia miniera di sale che contiene addirittura una ruota panoramica! Si prosegue quindi per Targu Mures, conosciuta come la città delle rose e circondata da una bella cinta muraria, Sighisoara, la città più romantica della Romania, nota anche per essere la città natale del Principe della Valacchia Vlad Tepes e quindi la mitica Bran, poco distante da Brasov, dove si trova il Castello di Dracula che, arroccato su una parete rocciosa, ha ispirato la descrizione del Castello di Dracula nel romanzo di Bram Stoker, quando in realtà il suo vero castello è l’ormai distrutto Castello di Poenari. Poco lontano si trova il borgo di Sinaia, un borgo soprannominato la “perla dei Carpazi” e immerso in un vero e proprio paesaggio montano.Qui si trova il meraviglioso Castello di Peles, costruito nello stile dei castelli bavaresi. Si risale quindi verso Sibiu, il cui centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco e la bella Alba Iulia di origine romana.

Author

Nata a Pisa nel 1990, nella stessa città mi sono laureata in Studi Internazionali e attualmente vivo, lavoro e ho sposato Dario. Amo i giochi da tavolo con gli amici, leggere, scrivere, cucinare piatti etnici, oltre che viaggiare, vicino e lontano: la mia più grande passione.

Write A Comment